ETHICA SOCIETAS-Rivista di scienze umane e sociali
Domenico Carola Giurisprudenza NOTIZIE

SCATOLE NERE E ALTRE PROVE TIPICHE, Domenico Carola

Novità giurisprudenziali nella valutazione e nell’acquisizione delle prove da strumenti tecnologici a bordo dei veicoli

di Domenico Carola

Abstract: continua a seguirsi con interesse il consolidamento della giurisprudenza di merito in ordine agli impatti che la riforma del regime probatorio delle cd. “scatole nere”, culminata con l’introduzione dell’art.145-bis del codice delle assicurazioni, sta avendo sul piano processuale, segnatamente in quei giudizi in cui si controverte di richieste risarcitorie per danni derivanti dalla circolazione stradale, con la prevalenza degli strumenti tecnologici sulla prova tipica testimoniale.

Keywords: #giurisprudenza #GiudicediPace GiudicediPaceNapoli #proveatipiche #provetipiche #scatolanera #dirittocircolazionestradale #CodicedellaStrada #cds #domenicocarola #ethicasocietas #ethicasocietasrivista #rivistascientifica #scienzeumane #scienzesociali #ethicasocietasupli

Le novità della giurisprudenza di merito

Il Giudice di Pace di Napoli (Giudice Dott. Cantile, V^ sez. Civile) con la sentenza n. 23921/2022, ha innovativamente affrontato la contrapposizione tra i dati della scatola nera prodotti in giudizio e altri mezzi di prova “tipica”, nello specifico quella testimoniale, ritenendo la prevalenza, ai fini del rigetto della domanda risarcitoria dedotta in giudizio, dello strumento informatico rispetto a tutto quanto fatto acquisire in termini istruttori dal presunto danneggiato.

Venendo al giudizio di cui l’indicato provvedimento costituisce l’epilogo, si riporta brevemente quanto segue.

La Alfa Assicurazioni (nome di fantasia) veniva convenuta in giudizio dal Sig. Tizio, rappresentando che Beta (nome di fantasia), sua assicurata, avrebbe arrecato danni al proprio veicolo nel corso di un tamponamento compiuto dall’auto della danneggiante.

Pertanto, il sedicente danneggiato domandava la condanna delle proprie controparti al risarcimento di tutti i danni materiali invocati.

Già in fase stragiudiziale, emergevano incoerenze che non consentivano una pacifica liquidazione del sinistro: infatti, i dati della scatola nera installata a bordo del veicolo assicurato dalla Alfa smentivano la versione dei fatti dell’attore, laddove alcun urto risultava registrato e, ancor più importante, la localizzazione del sistema g.p.s. collocava altrove il veicolo presunto danneggiante.

Prove contrastanti: scatole nere e dichiarazioni testimoniali

In esito al giudizio, che vedeva pure escusso un teste le cui dichiarazioni si apprezzavano limpidamente pro attore, il Giudice di Pace rigettava la domanda, senza invocare la prevalenza dei dati della scatola nera alla stregua dell’art. 145bis C.d.A., ma argomentando la propria decisione in termini di mancato superamento di un onere probatorio rigoroso da parte del danneggiato alla stregua di un dato scatola nera assolutamente sfavorevole.

Di assoluto interesse sono le valutazioni compiute dal Giudicante circa l’attendibilità della testimonianza resa in giudizio su richiesta istruttoria del presunto danneggiato.

Nello specifico, il Giudice adito ha valutato la prova non attendibile, usando sì il proprio “prudente apprezzamento”, principio processuale civilistico non derogabile, ma coniugandolo con la rigidità del disposto normativo in fatto di valore probatorio delle scatole nere.

Pertanto, com’è facilmente riscontrabile nella lettura della sentenza, nella valutazione della credibilità del teste entra preponderantemente il dato registrato dal dispositivo.

Una fase istruttoria sempre in contraddittorio

Un indubbio vantaggio per chi articola la propria difesa imperniandola sui dati del dispositivo, tenuto conto che il principio del contraddittorio nell’acquisizione della prova in giudizio difficilmente collima con una strategia difensiva tendente a prevalere sulla controparte semplicemente invocando apoditticamente i dati sfavorevoli registrati dal sistema informatico installato su uno o più veicoli coinvolti nel sinistro.

Sul punto, pertanto, appare corretto il ragionamento che sorregge le scelte del Giudicante: no ad una valutazione della prova testimoniale come inutile, inefficacie, inutiliter data, alla luce della mancata registrazione dell’urto o di una localizzazione incoerente effettuata dal dispositivo, quanto piuttosto una libera valutazione delle dichiarazioni rese che controbilanciate nella loro portata dai dati registrati dal dispositivo determinano la necessità logica di operare una valutazione negativa di attendibilità di quanto riferito dal teste.

Apprezzabile anche quanto osservato dal giudicante in fatto di frodi assicurative, tenuto conto dell’atavico problema delle frodi assicurative che attanagliano alcune zone del Paese, il Giudice di Pace, elevando questa consapevolezza a vero e proprio “fatto notorio” e, quindi, attribuendogli valore processuale, predica la necessità di una prova assai più rigorosa da parte di un sedicente danneggiato che si veda opposti dati scatola nera ad egli sfavorevoli.

Sembrerebbe, sul punto, in via di acquisizione anche nella prassi processuale l’idea per cui la scatola nera è strumento di tutela in primis dell’utenza, ovvero degli assicurati.

Ad appendice delle osservazioni poc’anzi fatte circa la sentenza, è opportuno sottolineare che è auspicabile, data la novità dell’argomento, che si cristallizzi una consuetudine giurisprudenziale positiva, a prescindere dal mero dato normativo (cfr. art. 145-bis C.d.A.), in fatto di valutazione del valore probatorio della scatola nera.

Un corollario per i giudizi che verranno

Quale memento per chi si trovi, in ottica difensiva a maneggiare gli estratti della scatola nera, si rileva l’opportunità di non scadere nell’apodittica, ovvero tenere un comportamento difensivo improntato sic et simpliciter alla mera allegazione delle registrazioni, confidando nel loro valore preminente. L’alternativa virtuosa deve passare dal confronto istruttorio in “contraddittorio”, in una attività di critica del materiale istruttorio fornito dalla controparte alla luce della moltitudine dei dati contenuti nelle registrazioni

GLI ULTIMI 5 ARTICOLI SUL DIRITTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE

LE ULTIME PRONUNCE GIURISPRUDENZIALI SUL PASSAGGIO CON IL SEMAFORO ROSSO

IL MINISTERO SANA L’AMBIGUITÀ DELL’ARTICOLO 193 DEL CDS

ILLEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE DELLA CONFISCA DEI VEICOLI

NOVITÀ PER IL PERMESSO PROVVISORIO DI GUIDA

IL CDS NON PUÒ VIETARE L’UTILIZZO DELLE TARGHE ESTERE

GLI ULTIMI 5 ARTICOLI DELLO STESSO AUTORE SU ALTRE TEMATICHE

IL DIRITTO COME FENOMENO SINECISTICO: LA LEGGE COSTITUZIONALE 1/2022

CONDONO EDILIZIO E SANATORIA

MULTE SERIALI: SI PAGANO UNA SOLA VOLTA IN ASSENZA DI CONTESTAZIONE IMMEDIATA

LE NOVITÀ PER IL CODICE DELLA STRADA NEL DECRETO INFRASTRUTTURE BIS

22 LUGLIO 2022 INIZIANO I CONTRIBUTI PER LA SOSTA DEI PIÙ DEBOLI

CONDANNA CONFERMATA PER L’USO DELLA COPIA DEL PERMESSO INVALIDI

GLI ULTIMI 5 ARTICOLI PUBBLICATI

L’UTILIZZO DELLA COMUNICAZIONE COME ARMA [CON VIDEO]

INFORMAZIONE ISTITUZIONALE SULLE PROSSIME ELEZIONI POLITICHE

L’INTERVENTO DI MARIO DRAGHI AL MEETING 2022 DI RIMINI [CON VIDEO]

INTERVISTA A STEFANO CATTANEO

REGOLAMENTI COMUNALI SULLA VIDEOSORVEGLIANZA ILLEGITTIMI (E SPESSO ILLECITI)

Proprietà artistica e letteraria riservata © Ethica Societas UPLI (2022)

Related posts

LE NOVITÀ DEL CODICE DELLA STRADA Domenico Carola

serenrico

IL DIRITTO DI ACCESSO E LA TRASPARENZA NON SONO VALORI ASSOLUTI Massimiliano Mancini

@Direttore

DESCRIVERE LA COMPLESSITÀ DEGLI ESSERI VIVENTI CON L’ARTE Massimiliano Mancini

@Direttore