ETHICA SOCIETAS-Rivista di scienze umane e sociali
Francesco Mancini NOTIZIE Scienze Politiche

L’AMICIZIA TEMA CENTRALE DEL MEETING 2023, Francesco Mancini

Presentato il programma 2023 all’ambasciata d’Italia presso la Santa Sede

Francesco Mancini

Abstract: “L’esistenza umana è un’amicizia inesauribile” sarà il tema del Meeting di Rimini 2023 che si svolgerà dal 20 al 25 agosto alla Fiera di Rimini, del quale sono stati annunciati i grandi ospiti e il programma definitivo all’ambasciata dell’Italia presso la Santa Sede dal presidente della Fondazione Meeting per l’amicizia dei popoli Bernhard Sholz, con l’intervento di Maria Tripodi, sottosegretario al Ministero degli Affari esteri, di Sabino Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale, e di Micol Forti, curatrice dei Musei Vaticani.

Keywords: #meetingamiciziadeipopoli2023 #meetingamiciziadeipopoli #meetingrimini2023 #meetingrimini #politica #arte #beneficenza #bernhardsholz #mariatripodi #sabinocassese #micolforti #francescomancini #ethicasocietas #ethicasocietasrivista #rivistascientifica #scienzeumane #scienzesociali #ethicasocietasupli


IL PRECEDENTE ARTICOLO SUL MEETING 2023

IL MEETING DI RIMINI SOTTO IL SEGNO DELL’ARTE

IL PROSSIMO ARTICOLO SUL MEETING 2023

L’ACCUSA DELLA REGIONE PUGLIA VERSO IL GOVERNO DI SABOTAGGIO DEL TERRITORIO PER FINI POLITICI


L’esistenza umana è un’amicizia inesauribile”, sarà questo il tema della 44° edizione del Meeting per l’amicizia fra i popoli, comunemente chiamato Meeting di Rimini, che si terrà dal 20 al 25 agosto. È stato annunciato ieri, 11 luglio 2023, con la presentazione del programma definitivo, nella sede dell’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede e il Sovrano Militare Ordine di Malta.

GLI OSPITI DEL MEETING

Come da tradizione, sono stati annunciati grandi ospiti a quello che è il più importante evento politico nazionale. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella interverrà a chiusura del Meeting 2023, nella mattinata di venerdì 25 agosto, per celebrare i 75 anni della Costituzione, tema al quale si dedicherà anche Silvana Sciarra, presidente della Corte costituzionale. Ci saranno personalità di primo piano dal mondo istituzionale, culturale, accademico e imprenditoriale, nonché esponenti della Chiesa e di fedi e culture diverse.

Sono previsti un centinaio di convegni con circa 400 relatori italiani e internazionali, 16 mostre e spettacoli con grandi nomi del teatro e del cinema.

La relazione sul tema del Meeting sarà tenuta lunedì 21 agosto da monsignor Giuseppe Baturi, arcivescovo metropolita di Cagliari e segretario generale della Conferenza Episcopale Italiana, Matteo Maria Zuppi, cardinale e presidente della Conferenza Episcopale Italiana racconterà l’impegno di papa Francesco e della Santa Sede per l’amicizia sociale, la pace e la fratellanza fra i popoli.

LE TEMATICHE DEL MEETING

Behrnard Sholz, presidente Meeting

Dopo i saluti introduttivi dell’ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede Francesco Di Nitto, il programma ufficiale è stato illustrato da Bernhard Scholz, dal 2008 presidente della Compagnia delle Opere, il braccio operativo di Comunione e Liberazione, e dal 2020 presidente della Fondazione Meeting per l’amicizia dei popoli ETS, che ha dichiarato: «Vogliamo mettere al centro dell’attenzione l’amicizia, i rapporti buoni e creativi, le relazioni positive e costruttive… Siamo convinti che questa attenzione sia urgente in un mondo segnato da individualismo e solitudine esistenziale e con una situazione geopolitica caratterizzata da vecchi e nuovi conflitti, da guerre atroci anche al centro del nostro continente». Il presidente del Meeting di Rimini ha preannunciato l’attenzione che sarà dedicata anche al tema dell’integrazione degli immigrati: «Un tema principale del Meeting sarà il lavoro, in modo particolare il lavoro come fattore decisivo di integrazione degli immigrati».

Maria Tripodi, sottosegretario agli Esteri

È intervenuta, in rappresentanza del Governo, Maria Tripodi, sottosegretario di Stato agli Affari esteri e alla Cooperazione internazionale, che nell’annunciare la partecipazione per il quinto anno consecutivo del Ministero degli Esteri al Meeting, ha dichiarato: «…vediamo come il Meeting di Rimini è ormai un appuntamento imprescindibile nella diffusione dello sviluppo sostenibile e proprio grazie al suo formato inclusivo e multiattore e al suo pubblico numeroso formato… da tantissimi giovani, si allinea perfettamente con l’azione di diplomazia pubblica del nostro ministero», annunciando «...il grande impegno dell’Italia per l’agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile».

Francesco Mancini e Sabino Cassese

 

Sabino Cassese, giudice emerito della Corte costituzionale e professore di Global Governance alla School of Government della Luiss, ha posto l’accento sul concetto di amicizia, tema del Meeting 2023, che in ambito pubblico ha determinato come: «irradiazione di un rapporto amicale in una cerchia più ampia, quella nazionale» e anima ancora oggi il servizio sanitario nazionale e il sistema scolastico pubblico.

Micol Forti

Micol Forti, curatrice della Collezione di Arte moderna e contemporanea dei Musei Vaticani, ha annunciato che in questa edizione del Meeting si darà grande spazio all’arte coniugandola con la solidarietà, saranno infatti esposte le opere di 12 tra i più famosi artisti che saranno vendute all’asta per beneficenza [cliccare qui per l’approfondimento di Roberto Castellucci]. Sottolineando: «…la centralità del ruolo dell’arte e della cultura nella nostra società è lo stimolo alla ricerca del bello e del vero», che ha un fine pedagogico e politico poiché tute le forme di arte costituiscono «…l’invito a mettere in discussione le nostre certezze, a non sedersi, a non accontentarsi. Nulla è scontato, tutto è rischioso, ma è solo così che la cultura mantiene vivi umanità e mistero, bellezza e senso del sacro».



GLI ULTIMI 5 ARTICOLI DELLO STESSO AUTORE

LA RELAZIONE DEL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI SULL’ATTIVITÀ DEL 2022

ROMA PRIDE 2023 TRA DIRITTI CIVILI E IDEOLOGIE POLITICHE

NON C’È CHE UN SOLO VERO UOMO CHE VICEVERSA È UNA DONNA

SULLA DOVEROSA DISTINZIONE TRA STORIA E MEMORIA

21 GENNAIO 1921: RESOCONTO DI UNA SCISSIONE

GLI ULTIMI 5 ARTICOLI PUBBLICATI

IL MEETING DI RIMINI SOTTO IL SEGNO DELL’ARTE

GAZEBO: PERTINENZA O NUOVA VOLUMETRIA

STRISCE BLU, NORMATIVA E RICORSI

I RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI POSSONO ESSERE SOLO ESTERNI

LA PERICOLOSA DERIVA POPULISTICA DEI TRIBUNALI DEI SOCIAL


Copyright Ethica Societas, Human&Social Science Review © 2023 by Ethica Societas UPLI onlus.
ISSN 2785-602X. Licensed under CC BY-NC 4.0   

Related posts

SULLA DOVEROSA DISTINZIONE TRA STORIA E MEMORIA, di Francesco Mancini

Francesco Mancini

MASSIMO BASILE EDITORE DELL’ECCELLENZA, Roberto Castellucci

@Direttore

L’INTERVENTO DEL CAPO DELLO STATO CONTRO GLI EGOISMI E I TEMI DEI CONSERVATORI, Francesco Mancini

@Direttore