ETHICA SOCIETAS-Rivista di scienze umane e sociali
Giurisprudenza Luigi De Simone NOTIZIE

IL CORRETTO UTILIZZO DELLO SCOUT SPEED (Cassazione Civile 2384/2023), Luigi De Simone

Il cartello di preavviso è obbligatorio anche nel caso di rilevatori mobili

di Luigi De Simone

Abstract: La Cassazione, II sezione civile, con l’ordinanza n.2384 del 26 gennaio 2023, ha sancito un principio che potrebbe essere molto “pericoloso” per gli Enti, stabilendo l’obbligo del cartello di presegnalazione anche per gli strumenti di rilevamento della velocità con modalità dinamica o ad inseguimento, come è Scout Speed.

Keywords: #giurisprudenza #cassazione #supremacortedicassazione #codicedellastrada #scoutspeed #rilevamentovelocita #luigidesimone #ethicasocietas #ethicasocietasrivista #rivistascientifica #scienzeumane #scienzesociali #ethicasocietasupli


Molta attenzione mediatica è stata data all’Ordinanza Cassazione n.2653/2023, sulla questione della distanza tra il cartello di preavviso dell’autovelox e lo strumento stesso.

Sempre rispetto al controllo della velocità, un’altra decisione dello stesso Giudice è di rilevante importanza, seppur non degnamente pubblicizzata.

Con l’Ordinanza della Cassazione, Sezione II, n.2384 del 26 gennaio 2023, infatti, è stato sancito un principio che potrebbe essere molto “pericoloso” per gli Enti che utilizzano strumenti elettronici dinamici per il rilevamento della velocità, posti generalmente all’interno dell’abitacolo del veicolo di polizia.

Infatti gli Ermellini nel ragionare sulle fonti del diritto hanno giustamente ribadito che un Decreto Ministeriale non può derogare una Legge ordinaria dello Stato.

Nel caso concreto la S.C. ha ritenuto che la previsione dell’articolo 3 del D.M. 15 agosto 20071, che esonera dall’obbligo di presegnalazione il rilevamento della velocità con modalità dinamica ovvero ad inseguimento, non è in linea con la previsione normativa ex art. 1422, comma 6-bis, Codice della Strada e che, quindi, quest’ultima norma è prevalente in quanto norma primaria e di rango superiore.

In definitiva l’obbligo di preventiva segnalazione della postazione di controllo sussiste anche in caso di controllo della velocità dinamica ovvero ad inseguimento come avviene, appunto, con lo scout speed,  dispositivo  omologato  dal  Ministero dei LL.PP. con decreto n.1323 dell’8 novembre 2012.

Nel caso concreto il Tribunale di Reggio Emilia aveva confermato l’annullamento della sanzione da parte del Giudice di Pace adito dal presunto trasgressore, sanzionato per aver superato il limite di velocità di 50 km/h di ben 48,80 km/h (velocità doppia di quella consentita).

In particolare il Tribunale motivava la non derogabilità dell’obbligo di presegnalazione delle postazioni di controllo evidenziando che “sarebbe irragionevole un eventuale trattamento diverso a seconda che gli strumenti di rilevazione siano fissi o in movimento, perché la segnalazione è finalizzata in entrambi i casi a preavvertire gli automobilisti del possibile accertamento, per orientarne la condotta di guida”.

L’organo accertatore ricorreva in Cassazione censurando la sentenza del Tribunale, in relazione all’art. 360, comma 1, n. 3, c.p.c.3, per violazione  o  falsa  applicazione  dell’art. 142,  comma 6-bis, Codice della Strada in relazione alle previsioni del D.M. 15 agosto 2007, laddove avrebbe erroneamente interpretato la chiara previsione contenuta nell’art. 3 del D.M. 15 agosto 2007, secondo cui le disposizioni degli art. 1 e 2 dello stesso decreto non si applicano per i dispositivi di rilevamento della velocità installati a bordo di veicoli per la misura della velocità in maniera dinamica, ovvero ad inseguimento.

La Corte di Cassazione,  nel caso di specie, nel confermare la decisione dei due precedenti giudizi di primo e di secondo grado, precisava che il predetto art. 142, comma 6-bis, Codice della Strada rimette al decreto ministeriale la sola individuazione delle modalità di impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi al fine di presegnalare la postazione di controllo, conformemente alle norme stabilite nel regolamento di esecuzione, senza alcuna possibilità di derogare alla generale previsione dell’obbligo di preventiva segnalazione.

L’Ordinanza concludeva con la condanna  del ricorrente alle spese di giudizio.


NOTE:

  1. D.M. Trasporti  15 agosto 2007 “Attuazione dell’articolo 3, comma 1, lettera b) del decreto-legge 3 agosto 2007, n. 117, recante disposizioni urgenti modificative del codice della strada per incrementare i livelli di sicurezza nella circolazione”.
    Art. 1 «1.  Le  postazioni  di controllo per il rilevamento della velocità sulla rete stradale possono essere segnalate: a) con segnali stradali di indicazione, temporanei o permanenti; b) con segnali stradali luminosi a messaggio variabile; c) con   dispositivi   di  segnalazione  luminosi  installati  su veicoli. 2. I segnali stradali di indicazione di cui al comma 1, lettera a), devono  essere realizzati con un pannello rettangolare, di dimensioni e  colore  di  fondo  propri  del  tipo  di  strada sul quale saranno installati.   Sul   pannello   deve   essere  riportata  l’iscrizione «controllo    elettronico   della   velocita»   ovvero   «rilevamento elettronico della velocita», eventualmente integrata con il simbolo o la  denominazione  dell’organo  di  polizia  stradale  che  attua  il controllo. 3. I  segnali  stradali  luminosi  a messaggio variabile di cui al comma 1, lettera b), sono quelli già  installati sulla rete stradale, ovvero quelli di successiva installazione, che hanno una architettura che  consenta di riportare sugli stessi le medesime iscrizioni di cui al comma 2. 4. I  dispositivi  di  segnalazione  luminosi  di  cui al comma 1, lettera c),  sono  installati  a  bordo  di veicoli in dotazione agli organi  di  polizia  stradale o nella loro disponibilità. Attraverso messaggi  luminosi,  anche variabili, sono riportate le iscrizioni di cui  al  comma 2.  Se installati su autovetture le iscrizioni possono essere  contenute  su una sola riga nella forma sintetica: «controllo velocita» ovvero “rilevamento velocita”. 5.  Si  applicano  in  quanto  compatibili  le  disposizioni  degli articoli 77,  78,  79,  80,  81,  82,  124, 125 e 170 del decreto del Presidente della Repubblica 16 dicembre 1992, n. 495.
    Art. 2  «1.  I  segnali  stradali  e  i dispositivi di segnalazione luminosi devono  essere installati con adeguato anticipo rispetto al luogo ove viene  effettuato  il  rilevamento  della  velocità,  e  in  modo da garantirne  il  tempestivo  avvistamento, in relazione alla velocità locale  predominante.  La distanza tra i segnali o i dispositivi e la postazione  di  rilevamento  della  velocità  deve essere valutata in relazione allo stato dei luoghi; in particolare e’ necessario che non vi  siano  tra  il  segnale  e  il  luogo  di  effettivo  rilevamento intersezioni   stradali   che   comporterebbero  la  ripetizione  del messaggio dopo le stesse, e comunque non superiore a quattro km. 2.  I segnali stradali o i dispositivi di cui all’art. 1 forniscono informazione puntuale, pertanto non necessitano di ripetizione ne’ di indicazione di “fine”».
    Art. 3 « Le  disposizioni  degli  articoli  1 e 2 non si applicano per i dispositivi  di  rilevamento  della  velocità  installati a bordo di veicoli per la misura della velocità in maniera dinamica, ovvero “ad inseguimento”».

  2. CdS, articolo 142 Comma 6-bis «Le postazioni di controllo sulla rete stradale per il rilevamento della velocità devono essere preventivamente segnalate e ben visibili, ricorrendo all’impiego di cartelli o di dispositivi di segnalazione luminosi, conformemente alle norme stabilite nel regolamento di esecuzione del presente codice. Le modalità di impiego sono stabilite con decreto del Ministro dei trasporti, di concerto con il Ministro dell’interno».
  3. Tale motivo può essere proposto quando l’errore riguardi l’individuazione o l’interpretazione della norma applicata oppure l’applicazione di una disposizione ad una fattispecie concreta da essa non regolata. L’errore deve aver influito sulla decisione. All’evidenza, non potranno essere impugnate per il motivo in esame le sentenze pronunciate secondo equità.

GLI ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI DALLO STESSO AUTORE

LA PRESCRIZIONE DEL REATO DI ABUSO EDILIZIO (Cassazione Penale 24407/2022)

APRIRE LA PORTIERA DISTRATTAMENTE COSTITUISCE REATO (Cassazione 42039/2022)

RINVIO DELLA RIFORMA CARTABIA

LA SEMIFLAGRANZA NELL’OMICIDIO STRADALE

GLI ULTIMI 5 ARTICOLI PUBBLICATI

TANTI OPERATORI DI POLIZIA AL CONVEGNO DI PIGNATARO MAGGIORE [CON VIDEO]

SVELARE SEGRETI È (forse) CONSENTITO AI PARLAMENTARI

IL GIORNO DELLA MEMORIA CELEBRATO NEL CONVEGNO UPLI-UNIROMA3

GRANDE PARTECIPAZIONE AL CONVEGNO DI CITTÀ DI CASTELLO [CON VIDEO]

21 GENNAIO 1921: RESOCONTO DI UNA SCISSIONE


Copyright Ethica Societas, Human&Social Science Review © 2023 by Ethica Societas UPLI onlus.
ISSN 2785-602X. Licensed under CC BY-NC 4.0   

Related posts

LA RELAZIONE ANNUALE SUL FENOMENTO DELLE TOSSICODIPENDENZE IN ITALIA – 3^ e ultima parte, Luigi De Simone

Luigi De Simone

LE ANTICIPAZIONI PIÙ AGGIORNATE SULLA RIFORMA DEL CDS-parte 3, Domenico Carola

@Direttore

LA SOCIOLOGIA DEL NOI E LA PSICOLOGIA DELL’IO, Lorenzo Tamos

@Direttore

Leave a Comment